Fitoalimurgia & vita in natura

Si chiama fitoalimurgia la conoscenza dell’uso delle specie vegetali, principalmente le erbe spontanee, a fini alimentari. La fitoalimurgia fu un principio di nutrizione anche in tempo di #guerra, lo sanno bene i #nonni che bevevano la #cicoria al posto del #caffè.

La #natura è generosa e con l’arrivo della #primavera è un trionfo di fiori ed erbe, moltissime commestibili.

Ricordiamocelo: prima di essere #agricoltori eravamo #raccoglitori ed ecco che in ogni #stagione sapevamo raccogliere l’apporto nutritivo utile per quel momento o la giusta difesa per l’organismo o lo stimolo agli organi offerto proprio da quella pianta di stagione. Raccogliere oggi significa anche prendersi un pò di tempo per stare nel verde, evitare i pesticidi presenti nelle agricolture, guardare il mondo con occhi diversi per accordarsi al ritmo naturale che ci accompagna dal sorgere al tramontar del sole.

Nel sottobosco ma anche nelle aiuole in città tutto è una danza  e il “mondo silenzioso” si accorda intorno a noi e d’un tratto ci assale un profumo che emerge tra i gas di scarico o ci cattura un colore sfavillante là dove fino al giorno prima non c’era nulla. Questa è #magia!

Abile erborista, trasformatrice di magie è Laura Dell’Aquila, che opera nel suo meraviglioso Giardino di Pimpinella, un luogo speciale dove imparare ad apprezzare le erbe spontanee e tutti i possibili usi: alimentari, terapeutici, cosmetici e di autoproduzione in generale.

Sono sempre più orientata a credere che l’alimentazione sia un fatto culturale: dimmi cosa mangi e ti dirò chi sei. Pensate nelle scuole dove i ragazzi, all’ora della merenda, si scambiamo libagioni a colpi di chi ce l’ha più dolce, più scintillante e più grossa. La chiusura mentale può portare a disprezzare quello che la natura ci offre, pensando che poichè cresce spontaneo sia più inquinato o sia calpestato o peggio ancora sia avvelenato, come la mela di Biancaneve. Se osservate i bambini in primavera vedrete come i prati sono magnetici per loro: ecco l’invito a riconnetterci a quell’energia e a divertirci come loro a fare mazzolini da donare e ornare tavole per riportare al centro la vita selvatica.

Nasce proprio in questi giorni vicino a Bologna un posto dove ricaricarsi e prendere uno spazio per sé: la nuova sede di Scinthilla a Casalecchio di Reno. Ospita incontri, eventi e seminari aperti a tutti su vari temi che interessano le persone e la società di oggi.

Non vi offriremo fiori da mangiare, quello è un percorso personale, ma il resto sarà tutto rigorosamente all’aperto!

 

Annunci

Il tempo è circolare!

calendariocircolare_20162Con l’avvicinarsi della fine dell’anno, incalza una certa frenesia: non so se è per le scadenze che si avvicinano o per i conti dei vecchi buoni propositi che non tornano mai, fatto sta che tutto si muove.

Definire il tempo lineare è solo una convenzione, perchè il tempo – oltre a non esistere (!) – è circolare.

Certo la prima osservazione ha già causato abbondanti reazioni e vi risparmio parentesi filosofiche (in cui credo) ma lascio questa affermazione decantare come un buon barolo dentro ognuno di voi.

Sulla circolarità del tempo invece ho visto volti più distesi: qualcuno se lo ricorda benissimo. A volte può essere difficile pensarci il lunedì mattina – specie se la giornata inizia con le corse nel traffico e le scadenze magicamente tutte prioritarie – mentre può essere più lampante accorgersene durante una bella passeggiata nella natura che ci offre i suoi doni.

Mia figlia di 5 anni mi ha chiesto: perchè non ci sono più le foglie sull’albero rosso che guardavamo ogni mattina? Perchè il tempo gira e porta con sé i suoi tempi e il suo spazio.

Ecco che guardare la data del proprio compleanno – per i miei bimbi gli eventi dell’anno gravitano solo attorno a Natale, compleanno, il loro, carnevale, mare e scuola – inserita dentro una ruota ha il suo senso e fa comprendere anche perchè alcuni devono fare una festa al chiuso o nella neve e altri possono farla in piscina o al parco o la sera in maniche corte.

E noi “grandi”? Prendersi il lusso di alzare il naso dal pc e ascoltare come ci sentiamo oggi, capire che ogni giorno è un “nuovo inizio”, che le giornate non sono tutte uguali anche se ci dobbiamo sforzare di farlo per le famose scadenze a fine mese – ma quando abbandoneremo il calendario Gregoriano per tornare a quello lunare? – è qualcosa che non arriva sempre naturale. Eppure il mondo là fuori ce lo ricorda ogni giorno, con i suoi cicli, come i nostri cicli interni a patto che si riesca ad ascoltare. Com’è difficile restare calmi e indifferenti mentre tutti intorno fanno rumore, cantava Battiato.

Questo calendario me lo ha ricordato tutto l’anno, anche quando dovevo andare incollata con il naso per leggere la riga del giorno giusto… 365 non sono mica pochi.

Guardando l’anno trascorso mi chiedo come ho fatto a non trovare il tempo per quel bel progetto in sospeso e per riprendere quel libro cui tenevo tanto e per disegnare, ridere, scrivere di più sul blog… e la responsabilità è solo mia, poichèil tempo è davvero uguale per tutti, non come la legge.

Siamo ancora in tempo a provare a vivere questo dicembre – personalmente il mese più impegnativo di tutto l’anno – in modo circolare!

clicca qui

La via del guerriero

O dovrei dire della guerriera? Chissà perchè quando è generico si declina sempre al maschile.

Oggi vi propongo un workshop esperienziale davvero fuori dagli schemi per domani sera a Bologna: La via del guerriero.

Il titolo è un po’ provocatorio, un po’ evocativo ma comunque ne vale la pena!
Si parlerà di  energia personale: la risorsa più preziosa che abbiamo. E’ importante imparare a riconoscerla, gestirla e metterla a frutto in maniera strategica, anche rompendo schemi e abitudini boicottanti personali.

L’incontro è libero e gratuito, fino ad esaurimento posti, la location è la sala del Comune quartiere Reno: via Battindarno 123, Bologna. Il workshop fa parte di un ciclo di incontri organizzato con la Banca del Tempo Reno ma non è necessario aver seguito i precedenti incontri.

Qui su Fb tutti i dettagli: ci conosceremo di persona qui?

Un’altra Scinthilla per la mente: val bene investire l’aperitivo del venerdì!

la via del guerriero