Cari studenti, scusate!

Oggi condivido con voi la lettera di un’insegnante.

Nonostante arrivi dal Canada si adatta molto bene all’Italia e interpreta il mio pensiero: una persona che per vari motivi frequenta il sistema scolastico e filtra con l’occhio delle competenze formative.

Internazionale ha tradotto per noi questa profonda riflessione su cui oggi va il mio pensiero.

Buona lettura!

 

Annunci

Donne in marcia verso se stesse

Sabato 14 febbraio, sarò al Foro Boario di Modena per la fiera sui temi del lavoro dal titolo autentico: Ricomincio da me!

La mia grande passione per i temi della crescita e della consapevolezza femminile, prima latente ora conclamata, mi porta a proporre un workshop su concetti a me cari: donne, leadership, empowerment… paroloni, su cui vige la sfida di dire cose nuove e fresche.

Workshop di Female Empowerment

Workshop di Female Empowerment

Con il termine empowerment viene indicato un processo di crescita, sia dell’individuo sia del gruppo, basato sull’incremento della stima di sé, dell’autoefficacia e dell’autodeterminazione per far emergere risorse latenti e portare l’individuo ad appropriarsi consapevolmente del suo potenziale. Questo processo porta ad un rovesciamento della percezione dei propri limiti in vista del raggiungimento di risultati superiori alle proprie aspettative.

Chi meglio del femminile è in grado e al contempo bisognoso, di cimentarsi in nuovi ruoli, di confrontarsi sia con gli uomini, sia con le donne, di acquisire forza e di essere ispirata?

Sono legittimata a crederlo sulla mia esperienza di: lavoratrice, donna, madre, figlia, sorella, amica, amante, amazzone, sensitiva, imperatrice, folle e artista.

Piccola anteprima: http://edgartells.me/stories/54d09c512aa6c50300b3f888#/cover

Vi aspetto!

Auguri!

#Auguri #mamme: per queste feste no panic & no work.
Godetevi i vs cari… quel che è fatto, è fatto, inutile affannarsi.

Meglio raccogliersi in questi giorni, per godersi un briciolo di questa umanità residua… il peggio è passato!!

Voglio cambiare questa bimba: non è quella che ho chiesto!

“Ciao Dio, ci sei?”

“Si figlia mia…”

“Ecco, mi chiedevo se non posso cambiare questa bimba: non è quella che ho richiesto”

“Davvero? Ma è il modello n.256: sveglia, indipendente, contenta, proprio come hai chiesto”

“Ma piange tutto il tempo!”

“Eh, si, è molto efficace nel comunicare i suoi bisogni. Basta andarle incontro meglio che puoi”

“Ma così potrei viziarla”

“Ah, non lo sapevi? Faccio i bimbi a prova di vizi adesso”

“Ma vuole esser sempre presa in braccio!”

“E’ per questo che ti ho fatto le braccia!”

“E vuole poppare tutto il giorno e tutta la notte!”

“E non lo vorresti anche tu, se ne avessi la possibilità, di bere qualcosa di tiepido e dolce, che non fa ingrassare ed è avvolto in un abbraccio?”

“Si, ma non riesco a dormire…”

“Senti, voi due siete una faccenda di coppia… non siete fatti per stare l’una senza l’altro. Portala semplicemente a letto e addormentati”

“Ma vuole poppare anche quando non ha fame”

“Direi che potrebbe aver bisogno di conforto”

“Ma ha già il suo succhiotto, una pelle d’agnello e un orsacchiotto…”

“Hai mai pensato che forse vuole semplicemente la sua mamma?”

“Ma io non riesco ad avere tregua, un intervallo.. non permette a nessuna altro di tenerla in braccio e piange quando la lascio”

“Sai, questo succede perchè ti ama più di chiunque altro al mondo, è così terribile?”

“No. Ma non riesco a combinare nulla”

“cosa?? Stai facendo il lavoro più importante e necessario di tutti: quello di MADRE”

“Beh, come facevo a saperlo? non è arrivata con le istruzioni per l’uso…”

“E invece si! te le avevo già date, in un libretto chiamato ISTINTI”

“AH, già, me l’ero dimenticato!”

“Guarda, perchè non ti rilassi semplicemente, dai un po’ di tempo al tempo e se le cose non vanno comunque a posto, fammi sapere; vedrò di farti avere un rimborso”

“Va bene, ma… sai una cosa? Forse questa qui non è tanto male, dopotutto…”

“Lo so”

“Dio'”

“Si??”

“Grazie”

(Liberamente tratto dal web)

Mamme!

Mamme!

Dal sole 24h: siamo la spinta, verso il matriarcato!

Blog amico…

Blog amico…

Oggi mi sono imbattuta in questa interessante iniziativa che vi segnalo!

Psych-K

La maternità è il momento in cui emergono di più i condizionamenti per le donne: zavorre pesanti di secoli, memorie vissute da generazioni precedenti, storie che non ci appartengono ma condizionano la ns libertà.
Per fortuna esiste la possibilità di scrollarseli di dosso, scegliendo ciò in cui credere!

Psych-K è uno di questi metodi di grandissima efficacia che permette di riscrivere le credenze individuali per vivere una gravidanza e poi la maternità, con gioia e presenza.

Come donne dobbiamo essere pronte sia ad accettare quello che accade, sia a scegliere cosa far accadere: recita un’antica preghiera

“Lord dammi la forza di cambiare le cose che posso modificare e la pazienza di accettare quelle che non posso cambiare e la saggezza per distinguere la differenza tra le une e le altre.”

A chi credere e a chi dare credito delle tante voci?

Ai dottori?

Alla mamma?

Al vicino?

Al Farmacista?

Alla pubblicità?

All’amica?

All’amica dell’amica?

Insomma, ne sentirete centomila, una e il contrario di quella!

Riprendiamoci la ns sicurezza, riprendiamoci la fiducia nel sapere ancestrale!

Questo interessante strumento è sempre più riconosciuto anche in Italia: contattatemi.