Immagini scaricabili per t-shirt e canotte manifestazione Pesaro

Tutti alla manifestazione di Pesaro l’8 luglio!

Liberi di Scegliere

Eleonora Manfroni mette a disposizione queste immagini da stampare su t-shirt e canotte in occasione della manifestazione di Pesaro per la libertà di scelta prevista per l’8 luglio. Per qualsiasi altro utilizzo che esuli da questo contesto siete pregati di scrivere a sistasart@gmail.com indicando la vostra richiesta. 

SCARICA LA VERSIONE 1 (PNG)
SCARICA LA VERSIONE 2 (PNG)

L’immagine è protetta da copyright pertanto è vietata la riproduzione totale o parziale del grafico (fatta eccezione per questo specifico contesto), in qualsiasi altra forma ai sensi e per i sensi dell’art. 1 e seguenti della legge n. 633/1941 (www.sistasart.it)

View original post

Figli della libertà: invito per questo sabato

A chi è capitato di interrogarsi se davvero le scelte fatte per i propri figli fossero azzeccate? Chi ha visto Figli della libertà?

Ecco un invito per questo sabato a #Bologna, per tutti coloro che si fanno delle domande.

Arriva il #FamilyDay a @Scinthilla: occasione preziosa per passare un pomeriggio di qualità, in campagna e con tante proposte per la mente e la pancia.

Vi aspetto?

13maggio

Vaccinare o non vaccinare, questo è il dilemma!

Dall’anno scorso è uscita in Emilia Romagna la normativa regionale che esclude dai nidi i bambini non in regola con il calendario vaccinale imposto dal SSN.

Come genitore che si assume un grande rischio sia nel rispettarla, sia nel voler andare a fondo, mi pongo tante domande. Perchè molte sono destinate a restare senza risposta?

Dalle mie umili reminiscenze giuridiche ho osservato che questa legge è discriminatoria, è in conflitto con altre normative, compresi numerosi articoli della nostra Costituzione!

Attualmente non è in atto un’emergenza sanitaria che giustificherebbe l’obbligo di un trattamento sanitario per tutti: non ci saranno mica degli interessi economici dietro?

La scelta dell’obbligo va contro le più aggiornate linee guida in materia sanitaria. Informare sarebbe più costruttivo che obbligare!

Strano ma… dei 4 vaccini obbligatori 3 non hanno a che fare con la protezione della comunità. L’patite b è una malattia trasmessa sessualmente e con emoderivati; il tetano non si trasmette da persona a persona; il vaccino antipolio in uso protegge il singolo ma non il contagio né la trasmissione dell’agente infettivo.

Un altra contraddizione: vaccini obbligatori per i bimbi ma non per gli operatori .
Non esiste la possibilità di effettuare solo le vaccinazioni obbligatorie perchè
Non esistono i vaccini singoli richiesti.
La scelta di abolire il certificato medico per la riammissione al nido è in netto contrasto con la politica di presunta tutela della salute adottata con l’introduzione della legge

Per chi è a Bologna oggi ci sarà un incontro tra genitori in Drogheria 53, Via del Pratello 53. Io voglio capirci di più: maneggio merce preziosa!

Il tempo è circolare!

calendariocircolare_20162Con l’avvicinarsi della fine dell’anno, incalza una certa frenesia: non so se è per le scadenze che si avvicinano o per i conti dei vecchi buoni propositi che non tornano mai, fatto sta che tutto si muove.

Definire il tempo lineare è solo una convenzione, perchè il tempo – oltre a non esistere (!) – è circolare.

Certo la prima osservazione ha già causato abbondanti reazioni e vi risparmio parentesi filosofiche (in cui credo) ma lascio questa affermazione decantare come un buon barolo dentro ognuno di voi.

Sulla circolarità del tempo invece ho visto volti più distesi: qualcuno se lo ricorda benissimo. A volte può essere difficile pensarci il lunedì mattina – specie se la giornata inizia con le corse nel traffico e le scadenze magicamente tutte prioritarie – mentre può essere più lampante accorgersene durante una bella passeggiata nella natura che ci offre i suoi doni.

Mia figlia di 5 anni mi ha chiesto: perchè non ci sono più le foglie sull’albero rosso che guardavamo ogni mattina? Perchè il tempo gira e porta con sé i suoi tempi e il suo spazio.

Ecco che guardare la data del proprio compleanno – per i miei bimbi gli eventi dell’anno gravitano solo attorno a Natale, compleanno, il loro, carnevale, mare e scuola – inserita dentro una ruota ha il suo senso e fa comprendere anche perchè alcuni devono fare una festa al chiuso o nella neve e altri possono farla in piscina o al parco o la sera in maniche corte.

E noi “grandi”? Prendersi il lusso di alzare il naso dal pc e ascoltare come ci sentiamo oggi, capire che ogni giorno è un “nuovo inizio”, che le giornate non sono tutte uguali anche se ci dobbiamo sforzare di farlo per le famose scadenze a fine mese – ma quando abbandoneremo il calendario Gregoriano per tornare a quello lunare? – è qualcosa che non arriva sempre naturale. Eppure il mondo là fuori ce lo ricorda ogni giorno, con i suoi cicli, come i nostri cicli interni a patto che si riesca ad ascoltare. Com’è difficile restare calmi e indifferenti mentre tutti intorno fanno rumore, cantava Battiato.

Questo calendario me lo ha ricordato tutto l’anno, anche quando dovevo andare incollata con il naso per leggere la riga del giorno giusto… 365 non sono mica pochi.

Guardando l’anno trascorso mi chiedo come ho fatto a non trovare il tempo per quel bel progetto in sospeso e per riprendere quel libro cui tenevo tanto e per disegnare, ridere, scrivere di più sul blog… e la responsabilità è solo mia, poichèil tempo è davvero uguale per tutti, non come la legge.

Siamo ancora in tempo a provare a vivere questo dicembre – personalmente il mese più impegnativo di tutto l’anno – in modo circolare!

clicca qui

Lettera agli insegnanti da parte di un lucido sognatore

#Educazione

DISIMPARANDO S'IMPARA

Cari insegnanti,

ognuno di voi, quando decide di varcare la soglia della scuola, si trova di fronte a un bivio: o fare una fine kafkiana, diventando un ingranaggio di un macchinario schiacciante e impersonale, o diventare un osservatore dell’ingranaggio, prenderne un po’ le distanze, per immaginare in quali altri modi potrebbe funzionare; risvegliare dentro di sé un impulso all’invenzione, finalizzato prima di tutto a salvarsi la pelle, e di conseguenza a trovare il modo di accompagnare i bambini alla prosperità e al benessere interiore.

Sì! Salvare la vostra vita psichicamente intendo, salvarla soprattutto dalla noia e da quell’agonia dell’entusiasmo che aleggia come uno spettro tra le cattedre, le lavagne, le lim, i registri, i ricorsi e le denunce dei genitori, i grembiuli, le valutazioni e i programmi ministeriali.

Io ho frequentato, professionalmente parlando, tutti i tipi e gli ordini di scuola, ma sono stato più a contatto con il mondo…

View original post 1.265 altre parole

La via del guerriero

O dovrei dire della guerriera? Chissà perchè quando è generico si declina sempre al maschile.

Oggi vi propongo un workshop esperienziale davvero fuori dagli schemi per domani sera a Bologna: La via del guerriero.

Il titolo è un po’ provocatorio, un po’ evocativo ma comunque ne vale la pena!
Si parlerà di  energia personale: la risorsa più preziosa che abbiamo. E’ importante imparare a riconoscerla, gestirla e metterla a frutto in maniera strategica, anche rompendo schemi e abitudini boicottanti personali.

L’incontro è libero e gratuito, fino ad esaurimento posti, la location è la sala del Comune quartiere Reno: via Battindarno 123, Bologna. Il workshop fa parte di un ciclo di incontri organizzato con la Banca del Tempo Reno ma non è necessario aver seguito i precedenti incontri.

Qui su Fb tutti i dettagli: ci conosceremo di persona qui?

Un’altra Scinthilla per la mente: val bene investire l’aperitivo del venerdì!

la via del guerriero

Benedizione ai figli: un rituale per renderli liberi.

Lasciare liberi i propri #figli!

life style

11036041_10153320375287985_213622251989226936_n

Ho appreso questa benedizione ai figli partecipando ai corsi tenuti da Yuliana Albeaez e la condivido col suo permesso e con immenso piacere.

Si tratta di un rituale molto efficace in grado di liberare i propri figli da obblighi, sensi di colpa, pesi che ogni famiglia trasmette da una generazione all’altra inconsapevolmente.

Si propone ai figli ADOLESCENTI, in un momento in cui si è liberi da impegni, a stomaco pieno.

Funziona così:

Stampate la lettera pubblicata a seguire e leggetela ai vostri figli, lentamente, con presenza e attenzione

 Ascolta figlia/o mia, voglio dirti una cosa molto importante.

Ti chiedo di ascoltarmi attentamente.

Oggi io voglio darti la mia BENEDIZIONE. 

Io ( nome genitore), ti benedico!

E’ il mio desiderio profondo che tu possa esprimere la tua essenza.

Non imitarmi, non essermi fedele, non seguire i mie errori e le mie carenze, sii fedele a te stessa, tu adesso sei libera.

Fa che la…

View original post 183 altre parole

* La buona notizia del venerdì:Indigeni peruviani vincono la causa contro un’azienda petrolifera statunitense

Buone notizie dal mondo!

Laurin42

 1472917

Dopo una battaglia legale una tribù indigena dell’Amazzonia peruviana ha vinto la causa contro la Occidental Petroleum per i danni ambientali provocati.

Quando una gigantesca società petrolifera statunitense si mette contro una piccola tribù amazzonica l’esito della sfida sembra segnato, eppure non sempre vince il più forte e influente. È il caso della battaglia legale tra il colosso del petrolio Occidental Petroleum e la tribù indigena Achuar.

Gli Achuar vivono nella foresta amazzonica peruviana, si tratta dell’ultima comunità situata sulle sponde del fiume Huasaga prima della frontiera con l’Ecuador. Un’area caratterizzata da un’incredibile varietà di piante e animali nella quale i nativi vivevano in armonia con la natura da tempo immemorabile, senza alcun contatto con la cultura occidentale fino a pochi decenni fa, fino all’avvento delle compagnie petrolifere.

achuar-territory-1

I membri della tribù Achuar nel 2007 hanno citato in giudizio la Occidental Petroleum, responsabile di aver inquinato gravemente il loro territorio e…

View original post 253 altre parole

Oggi & domani: incontriamoci a Bologna!

Nella prima settimana, tornati risorti – più o meno – dai giorni di Pasqua, eccomi con due proposte allettanti per chi sta a Bologna e provincia.

– Oggi pomeriggio dalle 14 alle 18 workshop esperienziale di: Female Empowerment al Centro Zonarelli di Bologna, quartiere San Donato: qui maggiori dettagli.

– Domani sera dalle 20,30 alle 22,30 workshop esperienziale di: Impeccabilità energetica c/o sala consiliare quartiere Reno: qui maggiori dettagli.

Vi aspetto numerosi per delle iniziative di qualità e gratuite;-)

GGGGG

La decisione più coraggiosa che puoi prendere oggi…

… E’ quella di essere di buon umore!

Non so perchè alcuni caratteri sono più scontrosi di altri o sono portati a vedere più facilmente il bicchiere mezzo vuoto, fatto sta che capita: capita che accada, capita di imbattersi in queste persone e quel che è peggio capita di lasciarsi influenzare – o influenzare a ns volta. Qualcuno si giustifica dietro il becero “sono fatto così”, come se realmente fossimo fatti di porfido scolpito, qualcuno si giustifica con complicate e astute elucubrazioni mentali che nascondono solo spinte conservative, qualcun’altro si fa prendere da dubbi e riflessioni a posteriori, a volte distruttive, a volte costruttive… comunque diventare ottimisti è un’arte che va allenata.

A ridosso della Pasqua riparte la nevrosi da pre-festa: chiudere TUTTI i sospesi, pur sapendo che la parentesi rosa sarà breve; fare gli auguri e non dimenticare formalmente nessuno; mangiare cose tipiche e speciali, possibilmente pesanti o goduriose; partire e staccare: si ne ho davvero bisogno – alzi la mano chi non ne ha o non lo pensa!

Eppure oggi vedendo questa immagine di una ballerina professionista mi sono sentita veramente una principiante: nell’allenamento, nella gestione della fatica, nella tolleranza, nel rimandare un risultato atteso e nel saperlo aspettare, nella perfezione o forse dovrei specificare nel “flusso”.

Si, il flusso di quando tutto è allineato e hai l’impressione di vivere davvero solo nel presente e le cose ti accadono senza sforzo. Non parlo di un incessante incedere di eventi e susseguirsi di relazioni ma di un tempo umano, di un ritorno quasi circolare, dove c’è solo leggerezza, anche nei lavori più pesanti.

Ecco quindi il mio augurio di Pasqua: vivere con buona energia, possibilmente positiva, il presente!

Auguri.

piedi