Freak Vs Neoliberismo

Freak Vs Neoliberismo

Siamo figli del nostro tempo.

Leggere o sentire che c’è ancora chi si permette di criticare, prima che accettare gli altri e saper ascoltare quello che hanno da dire, mi fa davvero cadere le braccia. Come quando dici di no a qualcosa e la persona a cui l’hai detto ti richiede la stessa cosa: ma allora non mi stai ascoltando?

Se questa persona poi ricopre un ruolo mediatico l’oggettività, il super partes, l’onestà intellettuale, la capacità evolutiva, è d’obbligo.

Siamo davvero ancora in un’era in cui possiamo permetterci il lusso di credere che l’abito faccia il monaco? Io credo di no e abbiamo avute diverse smentite da questo!

La storia si ripete sempre due volte: la prima volta come tragedia, la seconda come farsa, diceva Karl Marx; è tempo di apprendere e di staccarci dai favolosi anni ’80, dico io.

Il link offre una finestra interessante su questa “televisionetta” che ci offrono, come propaganda in tempi non molto lontani.

Svegliamoci! Mi verrebbe da costituirmi parte civile e mi vergogno per lui e per chi ancora ha questo atteggiamento da “winner” stampato sulla faccia.

Lavorare sulle credenze dovrebbe essere un’opportunità che passa la mutua a tutti: pensate che mondo migliore se con lo scalpello si potessero scalfire, queste come altre immagini di prevaricazione sugli altri, di razzismo, di yuppies mancati o meno.

Che mondo sarebbe sospendendo il giudizio?